A tutti i magistrati onorari italiani

Vista la gravità della situazione in cui versa il paese per l’epidemia da Covid-19, abbiamo deciso di sospendere le azioni previste a tutela dei magistrati onorari, da proporsi sia dinanzi al Tribunale di Roma contro lo Stato italiano per il risarcimento dei danni sia dinanzi ai Tribunali del lavoro competenti per territorio, nei termini preannunciati nel nostro ultimo comunicato.
Sappiamo tuttavia che proprio in questo momento di isolamento, pur caratterizzato da angoscia per i nostri concittadini e per le persone a noi più vicine, c’è tempo e possibilità di riflettere e di programmare ciò che dovrà essere fatto dopo, ad emergenza esaurita.

Pertanto, Vi invitiamo a leggere attentamente le conclusioni dell’Avvocato Generale Kokott rese nel procedimento UX, presenti sul nostro sito, per condividere la nostra strategia di difesa e di tutela dei magistrati onorari.

Riteniamo necessario avviare quanto prima – non appena sarà possibile – un’azione dinanzi al Tribunale di Roma per il risarcimento dei danni originati dall’inadempienza dello Stato italiano al diritto dell’Unione Europea, tenendo conto anche degli aspetti relativi al trattamento pensionistico, ed inoltre riteniamo utile proseguire nelle azioni per il riconoscimento dei diritti dei magistrati e dei conseguenti obblighi del Ministero della Giustizia, in qualità di datore di lavoro, relativamente al rapporto di lavoro in essere, sia per gli aspetti relativi ai diritti di natura economica che andavano e vanno riconosciuti ad ognuno, sia per il trattamento normativo, da determinarsi in ossequio al principio di non discriminazione.

Chi ha già conferito al Collegio il mandato difensivo per le azioni dinanzi al Tribunale del Lavoro competente, la cui causa è già pendente o è ancora in attesa di essere avviata, dovrà ovviamente promuovere solo la prima azione, di carattere risarcitorio, dinanzi al Tribunale civile di Roma.

Abbiamo già chiarito in modo più approfondito questi aspetti e le prospettive future nel nostro ultimo comunicato presente nel sito, che vi invitiamo a leggere.

Da ultimo, non possiamo comunque non rilevare come la concessione di un pur misero sussidio fatto dall’art. 117 del decreto oggi approvato (700,00 € al mese) confermi comunque l’indispensabilità e la continuità del lavoro dei magistrati onorari che poi si tenta ancora di negare nella relazione illustrativa dove si tenta di sostenere la asserita natura autonoma del vostro rapporto, negata dall’Avvocato generale della Corte di giustizia.

In ogni caso, invitiamo chi volesse prendere contatti con il Collegio e comunicarci la propria volontà di aderire a queste importanti iniziative, anche per ricevere subito maggiori dettagli, di inviare una messaggio di adesione utilizzando il form presente sul sito, oppure di scrivere una mail all’indirizzo mail collegiodifensivo@gmail.com.

Non appena ritorneremo alla normalità, pubblicheremo sul sito un documento contenente i termini dell’accordo, anche economico, per la proposizione delle suddette azioni giudiziarie, nonché la procura per il conferimento del mandato ad agire e quant’altro sarà necessario per riprendere l’iniziativa, ivi compreso un calendario di incontri a livello locale. Intanto ci uniamo a voi solidali in questo momento così difficile.

16 MARZO 2020                                                                              Il Collegio Difensivo

By | 2020-03-17T12:41:04+00:00 marzo 17th, 2020|News|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment